venerdì , settembre 21 2018
Home / Benessere / Al via i corsi dell’energia vitale del “Pranic Healing”
Al via i corsi dell'energia vitale del “Pranic Healing”

Al via i corsi dell’energia vitale del “Pranic Healing”

di Luigi Bruzzano

Il Pranic Healing è una disciplina non ancora  accettata dalla medicina tradizione, ma che ormai da circa trent’anni  è diffusa capillarmente in oltre 90 Paesi.

Una disciplina energetica elaborata nel ventesimo  secolo da Master Choa Kok Sui, un ingegnere filippino. 

Dal 10 al 13 maggio a Manila, nelle filippine, si terrà  una Convention Internazionale sull’argomento, ma molti appuntamenti attendono anche l’Italia.

 Nel mese di  marzo, a Roma,  Master Hector Ramos  terrà due appuntamenti diversi: il primo sarà un  “corso di induismo rilevato”, mentre il secondo preparatorio di “arhatic yoga”.

In Sicilia, invece, sarà l’istruttrice Chantal D’Agostino a tenere un corso base, il 18 e 19 febbraio alla casa dello Scirocco di Ganzirri.

Questa prativa, si basa su un concetto di energia spiegato magistralmente dall’istruttrice Chantal D’Agostino: “Il Pranic Healing è  una tecnica che utilizza il “prana”, (soffio vitale), presente nell’Universo e nel corpo umano, che  permette di compensare eventuali squilibri energetici all’interno del corpo umano creando un equilibrio psicofisico. L’aura (involucro energetico), descrive il livello energetico nella sua continuità registrando eventuali congestioni energetiche o discontinuità (depressioni energetiche)”.

 

L’esperta del Pranic Healing ha dimostrato l’efficacia della tecnica attraverso un’esposizione grafica, dichiarando che: “Le immagini Kirlian GDV, generate dalla tecnologia GDV, attraverso una misurazione del campo elettrico ad alta intensità intorno all’oggetto, riescono a mettere in evidenza in caso di mancanza di energia delle discontinuità, o picchi espressi dal grafico stesso: su alcuni pazienti affetti da diabete e problemi neurologici, sono state evidenziate delle irregolarità energetiche”.

Una tecnica quella del “Pranic Healing” che prende spunto dal “qi gong”, dallo “yoga”, dalla “teosofia” e dai “Rosa Croce”.

“Il trattamento del Pranic Healing – continua Chantal D’Agostino – si svolge con le sole imposizioni delle mani, con movimenti verticali dall’alto verso il basso, senza però mai toccare il soggetto; si riesce a rimuovere l’energia congestionata, attraverso uno “sweeping” (pulizia), restituendo nuova energia”.

Un benessere del corpo e dello spirito stailito dagli stessi Chakra (centri energetici), che attraverso il trattamento restituiscono infondono una sensazione di salubrità; un insegnamento diffuso sotto la supervisione “acharyas”(maestri spirituali), discepoli diretti di Master Choa Kok Sui, che oggi hanno il compito di divulgare e tramandare gli insegnamenti superiori ai sostenitori del Pranic Healing.

 Negli Stati Uniti – conclude -Master Stephen Co, un “archarya” molto noto, ha dedicato una grande importanza alla diffusione del Pranic Healing, soprattutto nel campo aziendale, dalla Microsoft a Google, riuscendo ad aumentare sostanzialmente il rendimento aziendale.

Un beneficio riscontrato dagli stessi dipendenti, attraverso un aumento dell’autostima, rafforzato da una miglioria dei rapporti interpersonali e una sostanziale rimozione delle congestioni dei Chakra”.

Questa disciplina può essere usata come terapia complementare, come valido contributo al miglioramento dello stato di salute, rimarcando la “complementarità” del “Pranic Healing”.

Articolo Scelto per Te

5 Low-Key Date Ideas For When You Just Wanna Relax At Home ...

5 Low-Key Date Ideas For When You Just Wanna Relax At Home …

Love the feeling of fresh nails, a face mask, and massage, but too strapped for …