venerdì , marzo 22 2019
Home / Hotel / Borghetto, prosegue la riqualificazione di Castello Borelli. Il Comune …

Borghetto, prosegue la riqualificazione di Castello Borelli. Il Comune …

Borghetto Santo Spirito. Ci vorranno ancora forse due anni, ma alla fine Borghetto Santo Spirito avrà “un hotel di lusso in uno degli scenari più belli della Riviera Ligure, tanto da fare invidia a più note località turistiche della Regione e non solo”. Parola dell’amministrazione del sindaco Giancarlo Canepa, sotto il cui mandato si concluderanno probabilmente i lavori per la riqualificazione del complesso ideato e realizzato dall’ingegnere Bartolomeo Borelli (tra le altre cose anche progettista del traforo del Frejus).

Il progetto di “Riqualificazione e recupero urbanistico ambientale del castello Borelli” prevede la realizzazione di un albergo a cinque stelle da 45 stanze e di 2.100 metri quadrati di estensione totale. A fare da contorno alla nuova struttura ricettiva un centro-benessere da 350 metri quadri e un ristorante da 200 metri quadri che sorgerà all’interno di un giardino d’inverno da 1.200 metri quadri e con vista sul mare. Prevista anche la realizzazione di una struttura ad uso residenziale da 70 appartamenti e una piazza da duemila metri quadri. Le nuove costruzioni saranno circondate da un giardino di ben 260 mila metri quadrati di estensione e saranno collegate al centro cittadino da un marciapiede di circa 250 metri di lunghezza che avrà la sua estremità inferiore nella zona della bocciofila.

di 8Galleria fotograficaBorghetto, prosegue la riqualificazione di Castello Borelli

Secondo il Comune di Borghetto, il titolo del progetto rivela chiaramente “la volontà della proprietà di basare il recupero, avvalendosi della prestigiosa firma dell’architetto Carlos Ferrater, sul principio della conservazione e innovazione del patrimonio edilizio esistente composto dal castello e dalla cerchia muraria ed una rivitalizzazione insediativa che rispetti l’ambiente naturale ed il patrimonio agro-forestale del retrostante parco”.

“In sede di permesso di costruire sono state adeguate la distribuzione interna degli ambienti alle necessità funzionali per poter realizzare un albergo a 5 stelle dotato dei più alti standard qualitativi di una struttura ricettiva di lusso e per adeguarsi alle necessità impiantistiche nel rispetto della normativa antincendio. Al piano terra sono previste le sale pubbliche di rappresentanza con il restauro dei pavimenti, dei soffitti e delle pareti data la presenza di decorazioni ed elementi architettonici di particolare pregio, come si evince dalla relazione storica e dalle indagini scientifiche compiute. Dal punto di vista planimetrico, l’edificio mantiene inalterate le sue dimensioni con alcune modifiche della sistemazione esterna a ponente del castello, in particolare il progetto prevede un intervento di riqualificazione del giardino storico esistenza senza alterare profondamente l’assetto vegetativo”.

“Nel progetto sviluppato l’edificio storico principale mantiene inalterata l’ipotesi di recupero con cambio di destinazione d’uso in albergo, attraverso i più evoluti principi di restauro sulla base di approfondite indagini metodologiche per il recupero delle superfici della struttura monumentale che comprendono il rilievo e la mappatura fotografica, le analisi chimiche stratigrafiche e le schede tecniche d’intervento sia delle facciate esterne che degli ambienti interni”.

“La realizzazione di questo intervento comporterebbe per la nostra cittadina la possibilità di diversificare l’offerta turistica, aggiungendo al prodotto spiaggia un parco naturalistico che getta sul mare”, concludono dal Comune.

Articolo Scelto per Te

Vacanze relax in Europa: 5 migliori mete del 2019 tra arte e natura

Vacanze relax in Europa: 5 migliori mete del 2019 tra arte e natura

Il caos cittadino o il tran tran quotidiano, a volte, possono pesare come macigni sulle …