giovedì , giugno 20 2019
Home / Benessere / Disabili, affettività e sessualità: nel parmense parte il progetto “Afrodite”
Disabili, affettività e sessualità: nel parmense parte il progetto “Afrodite”

Disabili, affettività e sessualità: nel parmense parte il progetto “Afrodite”

Tutti hanno il diritto di conoscere e saper vivere le dimensioni dell’affettività e della sessualità, anche le persone disabili. Un’esigenza che le famiglie e gli operatori dei ragazzi in carico a Pedemontana Sociale intercettano quotidianamente tra le mura domestiche, così come all’interno dei servizi e dei progetti messi in campo dall’Azienda del welfare di Comuni dell’Unione (Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo) per favorire l’inclusione, il benessere e l’indipendenza delle persone con disabilità, come Scuola di Autonomia, i percorsi di “Nati due Volte”, Puzzle e i gruppi di Auto Mutuo Aiuto.

Per dare una risposta alla necessità di affrontare un tema così intimo e delicato, Pedemontana Sociale e Auroradomus, la cooperativa che si occupa dei servizi educativi territoriali in favore di adulti con disabilità, hanno messo a punto e finanziato “Afrodite”, progetto nato con l’obiettivo di fornire alle persone disabili ed ai loro familiari strumenti e chiavi di lettura utili ad affrontare queste delicate dimensioni dell’età adulta con consapevolezza, in un’ottica di pari opportunità e di autonomia.

Afrodite”, iniziato nell’ottobre dell’anno scorso con la fase preliminare di progettazione, è entrato nella sua fase operativa che si concluderà nel giugno del 2020. E per la sua realizzazione, Azienda Pedemontana e Auroradomus si avvalgono della collaborazione di Mauro Bosio e Silvia Penna, psicologi esperti dell’Associazione di Promozione Sociale Orìzon di Rivoli (Torino). Con i ragazzi e le ragazze disabili che partecipano al progetto insieme ai loro familiari, coinvolti dai servizi sociali, verranno realizzati a seconda del tipo di
sostegno individuato, colloqui singoli o percorsi di gruppo. Ma uno dei punti di forza di “Afrodite” è il coinvolgimento degli educatori e delle assistenti sociali, che lunedì 27 maggio hanno iniziato un corso di approfondimento specifico, curato sempre da Bosio e Penna. E la prima lezione, che si è svolta nella Sala Convegni della Rocca Sanvitale di Sala Baganza, è stata anche l’occasione per presentare e spiegare di
cosa si tratta. «Afrodite rappresenta un tassello ulteriore delle iniziative, dei progetti e dei percorsi volti a rafforzare l’autonomia delle persone con disabilità – ha sottolineato Emiliano Pavarani, responsabile dell’Area adulti e disabili di Pedemontana scoiale –. Tassello che si aggiunge a quanto la nostra Azienda ha realizzato in questi anni. Con questo progetto vogliamo consentire ai nostri ragazzi
un passo ulteriore di crescita, cercando di dare risposte efficaci alle loro domande e strumenti ulteriori per la loro indipendenza personale. Ci troviamo, infatti, in un contesto in cui i progetti avviati nel tempo hanno creato un circolo virtuoso, rafforzando i livelli di autonomia e le relazioni, ponendoci però, allo stesso tempo, di fronte a nuove sfide, quali quelle dell’affettività e della sessualità, che oggi cerchiamo di affrontare»

Che la necessità di vivere la propria sessualità debba essere garantita a ogni individuo lo ha sottolineato anche Antonio Pignalosa, responsabile Settore disabili di Aurora Domus: «Il progetto Afrodite è perfettamente in linea con il percorso che la cooperativa sta portando avanti da anni sul tema dei diritti per le persone con disabilità. Diritti sanciti a livello internazionale. Abbiamo capito di aver bisogno di qualche strumento in più su certi temi come questi – ha aggiunto –, per questo servono nuovi spunti e nuove idee».

A portare i saluti dei Comuni dell’Unione sono intervenuti gli assessori alle Politiche sociali di Sala Baganza e Felino, Giuliana Saccani e Simona Damenti. «Ringraziamo l’Azienda e Auroradomus, che hanno deciso di intervenire su questo tema difficile e delicato, per dare riposta ad un bisogno molto avvertito dalle famiglie», ha detto Saccani, mentre Damenti ha osservato come Pedemontana Sociale sia «sempre alla ricerca di servizi e progetti innovativi per aiutare le persone più deboli a migliorare la qualità della vita». 

Gli psicologi di Orìzon, Bosio e Penna, hanno illustrato agli operatori i vari step previsti da “Afrodite” e le iniziative simili realizzate a Rivoli, dove fin dal 2011 hanno iniziato a collaborare con i servizi sociali locali su progetti sperimentali rivolti alla sessualità delle persone disabili.

Articolo Scelto per Te

Cortisone il miglior modo per inibire il proprio corpo

Cortisone il miglior modo per inibire il proprio corpo

I farmaci cortisonici sono dei farmaci antinfiammatori utilizzati per trattare numerose malattie ad andamento acuto …