mercoledì , dicembre 12 2018
Home / Viaggi / La Millenaria dell’agroalimentare: Mantova Golosa e viaggi del gusto

La Millenaria dell’agroalimentare: Mantova Golosa e viaggi del gusto

GONZAGA. Aspettando il nuovo padiglione, i cui lavori sono partiti in giugno e termineranno in autunno, la prima novità è nella ridefinizione degli spazi della fiera con l’obiettivo di mettere maggiormente in evidenza le eccellenze dell’enogastronomia made in Mantova. Dopo il successo delle precedenti edizioni, lo spazio dedicato ai prodotti mantovani “Mantova Golosa” trova una nuova e più ampia collocazione: l’intero padiglione d’ingresso della fiera (il padiglione “zero”) sarà, infatti, dedicato all’agroalimentare del territorio. Millequattrocento metri quadrati occupati da stand, eventi, degustazioni, lezioni e show cooking attorno alle eccellenze dei prodotti agroalimentari mantovani.

Nasce, poi, “I viaggi del gusto“, un nuovo modo di vivere l’esperienza in fiera che la Millenaria propone ai suoi visitatori per far loro toccare con mano la qualità dei migliori prodotti tipici locali. Tre le tematiche – salumi, formaggi, vini – e due le modalità di partecipazione.

La prima è partecipare a una delle degustazioni guidate in programma tutti i giorni in collaborazione con Accademia Gonzaghesca degli Scalchi e Onav. Un’occasione per scoprire prodotti dimenticati o di nicchia come il formaggio verde caprino o i salumi di golena. Le degustazioni possono essere acquistate direttamente in fiera o in prevendita sul sito
fieramillenaria.it
, dove si trovano anche il calendario e i dettagli sui prodotti che verranno offerti.

C’è, poi, la possibilità di muoversi liberamente tra gli stand a caccia delle eccellenze segnalate nell’apposita mappa da ritirare all’ingresso. Si potrà, così, costruire il proprio percorso e partecipare ad eventi, degustazioni con prodotti in “edizione limitata” o semplici assaggi organizzati da espositori selezionati per l’elevato livello di qualità della loro produzione.

La scoperta delle eccellenze locali coinvolge anche i bambini, che potranno partecipare ad un percorso guidato.

Per la prima volta, poi, la Millenaria avrà un testimonial. Si tratta di Simone Rugiati, giovane chef e star del piccolo schermo, che martedì 6 si cimenterà in uno show cooking con ricette innovative che vedono come protagonisti alcuni degli ingredienti più importanti della cucina mantovana.

ZOOTECNIA E DIBATTITI. Torna la grande mostra bovina della frisona organizzata dall’Associazione Mantovana Allevatori, alla quale si affiancano eventi dedicati ai bovini di razza bruna e all’allevamento equestre. Ma aumenta anche l’aspetto educativo e divulgativo. La Fattoria di Italialleva, uno degli spazi più amati da grandi e piccoli, verrà ridisegnato e rinnovato in modo da permettere ai visitatori di approfondire meglio l’importanza e le caratteristiche degli animali da reddito, anche attraverso una serie di elementi informativi e laboratori didattici rivolti ai bambini.

La Millenaria si conferma, poi, il principale luogo d’incontro per il mondo agricolo mantovano, che si incontra per discutere sviluppi futuri e problematiche del settore. Ricco il programma delle conferenze – organizzate con associazioni di categoria e riviste di settore – che affronterà tematiche come il prezzo del latte, lo spreco alimentare, i cambiamenti nella fiscalità agricola, il ruolo sociale dell’agricoltura, il Trattato Transatlantico Europa e Stati Uniti (Ttip).

Con l’Ats, poi, ci saranno incontri per operatori del settore e cittadini comuni sui temi della salute umana e animale.

AGRICOLTURA SOCIALE. La Millenaria accompagna l’evoluzione del comparto primario riflettendo anche sugli aspetti socio-culturali. In questa edizione verrà riservato ampio spazio al fenomeno in crescita dell’agricoltura sociale. Terreno fertile per esperienze innovative e prodotti di alta qualità, l’agricoltura sociale è, a tutti gli effetti, parte integrante di un comparto agricolo che, al di là dell’indiscusso ruolo economico, è cultura e identità.

In fiera ci saranno alcuni esempi di successo di cooperative sociali, che presenteranno il loro lavoro con soggetti disabili o in difficoltà e, soprattutto, i prodotti di alta qualità che ne derivano, dimostrando come l’agricoltura sociale vada ben al di là della semplicità solidarietà per attestarsi come una parte dell’economia agricola a tutti gli effetti.

BIMBI…NARIA. Si anima anche quest’anno il padiglione dei piccoli Bimbi…naria. Cuore delle attività è, come sempre, la sensibilizzazione dei bimbi sui temi della terra, dell’alimentazione corretta, della salute e dell’ambiente.

In programma, laboratori didattici, spettacoli, degustazioni e incontri per i genitori. Inoltre, quest’anno ci sarà la collaborazione con i Musei del Gusto di Parma, un’esperienza d’eccellenza nel panorama didattico-museale che proporrà ai piccoli visitatori attività legate alla filiera del latte, dei salumi e del vino.

MUSICA. Agricoltura, gastronomia ed educazione. Ma la fiera Millenaria è anche spettacolo e, nell’edizione che si aprirà il prossimo 3 settembre, il palco di piazza Grande vedrà esibirsi numerosi protagonisti della musica e della comicità a livello nazionale. A partire dalla cantante Giusy Ferreri, che venerdì 9 settembre sarà a Gonzaga con una tappa del tour che la sta portando in giro per l’Italia. Quindi, spazio alla risata con i comici Andrea Pucci (mercoledì 7) e con il poeta catartico Flavio Oreglio (giovedì 8).

Giusy Ferreri

Completano il cartellone degli spettacoli di intrattenimento: i Calaluna in concerto con un omaggio a Fabrizio De Andrè (sabato 3), Nada e Fausto Mesolella (domenica 4), Giorgio Vanni con le sigle dei cartoon più amati (martedì 6), il tradizionale appuntamento con la finale del lungo concorso canoro dell’Avis “Una voce che si nota” (fissata per sabato 10) e la banda e i fuochi piromusicali in calendario per la serata conclusiva di domenica 11.

GLI SCONTI. Una novità anche in biglietteria per l’edizione 2016 della Fiera Millenaria di Gonzaga che si sta preparando a partire. Quest’anno nelle giornate infrasettimanali (dal lunedì al giovedì) l’ingresso costerà meno, sei euro, mentre nel weekend resterà invariato a quota otto euro.

E’ già possibile acquistare i biglietti d’ingresso in prevendita, assicurandosi così la possibilità di saltare la coda alle casse tipica dei momenti di maggiore affollamento, online su
vivaticket.it
e negli esercizi convenzionati (l’elenco è disponibile proprio sul sito internet di Vivaticket). 

Articolo Scelto per Te

Lazio, pazienti onco-ematologici "Viaggi il sangue, non le persone"

Lazio, pazienti onco-ematologici "Viaggi il sangue, non le persone"

La ricerca di base e traslazionale in ematologia ha aperto la strada allo sviluppo di …