giovedì , giugno 21 2018
Home / Massaggi / Massaggi, sono davvero alleati del benessere?
Massaggi, sono davvero alleati del benessere?

Massaggi, sono davvero alleati del benessere?

La parola massaggio sembra derivare dall’arabo “mass” o “mash” (frizionare, premere) o dal greco “masso” (impastare, maneggiare). I benefici fisici e psicologici di questa pratica sono stati riconosciuti fin dall’antichità, tanto che si può senz’altro affermare che l’arte medica abbia avuto inizio proprio col massaggio. Non tutti i tipi di massaggi terapeutici hanno lo stesso scopo. Alcuni servono a rilassarsi e a calmarsi. Altri rinvigoriscono e tonificano il corpo. Fra la lunga lista di possibilità troviamo, oltre al classico “massaggio rilassante” non meglio specificato, i trattamenti di manipolazione di tipo medico, che servono cioè ad un particolare scopo riabilitativo. Ne parliamo con la dottoressa Lara Castagnetti, osteopata e consulente dell’area riabilitativa di Humanitas.

 

Massaggi rilassanti e non. Quali sono e cosa comportano

Reiki. Si tratta di una tecnica giapponese nota per “l’imposizione delle mani” che si basa sulla teoria dell’energia priva di validazioni scientifiche secondo cui l’energia scorre attraverso le mani. Tuttavia, in questo tipo di massaggio, il contatto è minimo.

Linfodrenaggio. Questo massaggio, che può essere sia di tipo estetico che di tipo medico-oncologico, è caratterizzato da una leggera pressione che si esegue in genere molto lentamente. Lavora sul circolo linfatico che si trova nello spazio interstiziale sottocutaneo per favorire il drenaggio delle tossine. Il linfodrenaggio di tipo medico si usa in caso di stasi della linfa primitiva o secondaria in seguito ad interventi chirurgico o radioterapici di rimozione di linfonodi.

Massaggio sportivo. Questa tecniche di massaggio di tipo medico penetra negli strati profondi del muscolo e prevede grosse sollecitazioni di muscoli, tendini e articolazioni, sia in preparazione che dopo l’attività sportiva.

Massaggio cicatriziale. Si usa per rilasciare e rendere più funzionali le cicatrici e le aderenze chirurgiche.

Massaggio estetico o rilassante. Lo scopo di questa tipologia di massaggi è duplice. Da un lato eliminare gli inestetismi cutanei e sottocutanei e di rallentare l’invecchiamento della pelle grazie all’utilizzo combinato di prodotti estetici e cosmetici come creme e olii.
Dall’altro il rilassamento psicofisico. L’operatore agisce a livello delle strutture muscolo-tendinee, sulla circolazione sanguinea e sul sistema nervoso, quindi sulla psiche.

Il massaggio cranio-sacrale. Questa tecnica di manipolazione cerca di alleviare la pressione lungo la testa e la colonna vertebrale. L’obiettivo è tra gli altri quello di ridurre l’emicrania e il dolore alla testa e al collo.

Rilascio miofasciale. Si tratta di una terapia adatta a trattare l’immobilità e il dolore dei muscoli scheletrici, migliorando la circolazione sanguigna e linfatica e stimolando lo stiramento dei muscoli.

Massaggio decontratturante. Il massaggio decontratturante è un tipo di massaggio che agisce in profondità sui tessuti connettivi e muscolari, con il preciso scopo di sciogliere contratture e, più in generale, tensioni della muscolatura.

 

Quali sono i benefici e i rischi del massaggio?

Nel complesso, il massaggio stimola la dopamina, l’ormone del “benessere”, mentre diminuisce i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Aiutando a rilassarsi, il massaggio può anche servire a “nutrire” e ossigenare le zone trattate attraverso un maggior afflusso sanguigno, mentre trasporta verso le vie di scarico le tossine che si sono accumulate nei muscoli. “D’altro canto – ha affermato la dottoressa Castagnetti – è necessario evitare di sottoporsi ad un massaggio non medico nei casi di dolore acuto, quando vi sono infezioni o trombosi in atto, quando si è gravemente cardiopatici o in caso di malattia oncologica, a meno che non sia esplicitamente prescritto dallo specialista e parte della terapia”.

I pazienti che ricevono massaggi di tipo medico hanno in genere problemi specifici su cui lavorare e desiderano produrre un rilascio di contratture muscolari o il rilascio di tessuto cicatriziale. E’ importante in ogni caso, prima di qualsiasi manipolazione, menzionare infortuni, interventi chirurgici, farmaci o allergie.

Articolo Scelto per Te

Il massaggio, antica e valida soluzione contro ritenzione idrica e gonfiore

Il massaggio, antica e valida soluzione contro ritenzione idrica e gonfiore

La stagione estiva è ormai alle porte e il caldo che solitamente la caratterizza può …