mercoledì , giugno 26 2019
Home / Massaggi / Masse di San Sisto ultimo atto, il giudice ordina la chiusura
Masse di San Sisto ultimo atto, il giudice ordina la chiusura

Masse di San Sisto ultimo atto, il giudice ordina la chiusura

Viterbo – Il geologo Pagano nominato esecutore, può avvalersi anche delle forze dell’ordine per far eseguire la sentenza a favore della Free Time

Viterbo – “Chiudete le Masse di San Sisto”. Dopo la sentenza del tribunale di Viterbo, pubblicata a fine gennaio, adesso il giudice Federico Bonato ha sciolto la riserva e con un’ordinanza datata 21 marzo, scrive la parola fine all’attività nell’area termale a sud di Viterbo.

È l’ultimo atto nella guerra per l’acqua termale che arriva dal pozzo San Sisto e che ha visto contrapposti Free Time, che in zona sta realizzando l’impianto al Paliano e Associazione le Masse e Antiche Terme Romane, proprietari dei terreni e gestori dell’area dove oggi ci sono le vasche.

L’utilizzo della risorsa mineraria spetta alla prima, così ha confermato il tribunale.

Il giudice ha nominato ausiliario – custode Giuseppe pagano, geologo, che mercoledì prossimo dovrebbe andare alle Masse a “chiudere i rubinetti”.

Il comune sarebbe stato delegato alla demolizione delle opere abusive in danno. richiedendo poi le spese sostenute ad Antiche Terme Romane.

L’ordinanza da parte del tribunale di Viterbo è chiara.

Il giudice ordina: “il libero accesso in favore della società Free Time sui fondi di proprietà della società Antiche Masse Romane e detenuti in locazione dall’Associazione Le Masse, nell’ambito del quale la società Free Time srl avrà diritto di mungere e sfruttare, con le modalità che riterrà più opportune, quanto in oggetto nella concessione”.

Inoltre: “l’interdizione da ogni genere di gestione, coltivazione, emungimento, captazione, raccolta della acque termominerali e dei suoi derivati, risalenti dal pozzo San Sisto o da qualunque altra effluenza termale naturale o artificiale che sia, provvedendo, se del caso, all’effettuazione dei necessari lavori finalizzati allo scopo”.

Sempre il tribunale impone: “la cessazione di ogni attività connessa all’utilizzazione delle acque termo minerali, nonché delle attività collaterali di ogni misura (massaggi, benessere, fanghi, riabilitazione, rivendita generi alimentari e di articoli di commercio vario), anche nei confronti di terzi o di qualunque soggetto avente causa dalle resistenti”.

Per far eseguire quanto stabilito, per il giudice: “appare necessario nominare un ausiliario – custode, affinché provveda a intraprendere tutte le misure, ove occorra anche coercitive, avvalendosi se del caso, della forza pubblica”.

La scelta è caduta su Giuseppe Pagano, geologo: “affinché provveda a dare concreta attuazione agli ordini, autorizzandolo alla nomina d’eventuali coadiutori e ditte esecutrici e avvalendosi, in caso di rifiuto delle società obbligate, ad avvalersi dell’ufficiale giudiziario di Viterbo e ove occorra, della forza pubblica”.

C’è poi la condanna di società e associazione al pagamento delle spese di procedimento, per 2mila euro e 1750 per compensi, oltre al rimborso delle spese forfettarie.

Un’ordinanza che mette fine a un braccio di ferro durato anni, l’utilizzo dell’acqua termale appartiene alla Free Time. Resta da capire se il passaggio sarà indolore.

Giuseppe Ferlicca

Articoli: Il giudice: “Chiudete le masse di San Sisto” – I giudici: “Le Masse di San Sisto vanno chiuse”

15 aprile, 2019

Articolo Scelto per Te

Oroscopo dei Libri - dal 24 al 30 giugno

Oroscopo dei Libri – dal 24 al 30 giugno

MILANO – Mercoledì 27 giugno Mercurio entra nel segno del Leone, ora i pensieri si fanno …