venerdì , luglio 19 2019
Home / Benessere / Parlare di sesso con il partner: dove, come e quando?

Parlare di sesso con il partner: dove, come e quando?

Gli piacerà? sarà questo ciò che desidera? Posso raccontargli le mie fantasie? Posso parlare di sesso? Domande semplici ma frequenti che nella mente di uomini e donne si fanno strada prima e dopo (ma spesso anche durante!!!) un rapporto sessuale.

Domande che molte volte restano senza una risposta, perché esprimerle è fonte di imbarazzo e di paura del giudizio. Eppure l’intimità sessuale non ha una ‘modulistica’ universale, ha delle regole che vanno ‘scoperte’ o ‘sussurrate’e ciascuna è specifica per ogni partner!

Tutti vorremmo conoscere i desideri più profondi del proprio compagno, ma dobbiamo essere disposti a fare lo stesso. Deve essere una confidenza reciproca sulle proprie fantasie. La strategia che più frequentemente risulta meno efficace è la proposta di parlare di esperienze passate ed effettuare dei raffronti, fa sentire a disagio, fa sentire giudicati, ed espone ad un malsano senso di gelosia.

Per evitare che la proposta dell’argomento possa apparire come un’accusa di una intimità fallimentare, è importante per prima cosa rinforzare ciò che la coppia già condivide e il livello di soddisfazione vissuto. Se si inizia la conversazione chiedendo direttamente al partner quali sono le sue fantasie segrete, è molto probabile che si chiuda. Infatti, può essere più fruttuoso confessare  per primi cosa piace fare a letto ma anche cosa piacerebbe fare.

In genere dopo un momento erotico si crea un ambiente di intimità e di complicità molto proficuo per le confessioni. Così come anche qualunque altro momento di coccole e carezze in cui siate a vostro agio e rilassati. Si può approfittare per spiegare cosa piace di più del sesso con il partner (quello attuale!!!) e informarsi sui suoi desideri e le sue fantasie.

Se si vuole sapere cosa ne pensa di determinate pratiche sessuali, varianti di una normalità già sperimentata, si può usare il discorso in terza persona. Parlando, per esempio, di un tale che si conosce e che ha raccontato di un’esperienza o una fantasia. Se la reazione dell’altro è molto positiva, si può sempre confessare di essere gli artefici di quel desiderio  e andare avanti.  Tuttavia se il partner è molto classico in fatto di sesso e volete che si apra a nuove esperienze, non bisogna iniziare proponendo l’estremo opposto. Un buon modo per iniziare è stimolarsi a esplorare le proprie zone erogene e quelle dell’altro. Rimandate il più possibile la penetrazione e stimolate tutto il corpo (non solo i genitali) giocando e integrando a piacimento  carezze, baci, massaggi.

Inoltre se le difficoltà a parlare di sesso permangono o magari non trovate il momento giusto o non siete abituati ad esprimere i vostri desideri, potete fare un gioco semplice ma molto creativo, da gustare con complicità. Si tratta di scrivere un racconto erotico insieme: ognuno può scrivere un paragrafo oppure assumere il ruolo di uno dei protagonisti e scriverlo secondo il proprio punto di vista.

In fine, ricordate bene che i desideri non necessariamente coincidono.

Anche se il partner espone una fantasia un po’ stravagante, non bisogna giudicare mai. Ognuno ha i propri desideri e se anche non coincidono con quelli dell’altro o se l’uno confessa qualcosa che l’altro non farebbe mai, non significa che alcuni siano migliori ed altri peggiori.

Sia che si abbia voglia di mettere in pratica una fantasia che il partner non desidera, sia che ci si  senta spinti a fare qualcosa che non piace, bisogna ricordare che ognuno può avere desideri propri che non condivide con l’altro. Questo non è un male e nessuna scelta è migliore di altre. Non si tratta di convincere il partner, ma di suggerire nuove attività sessuali ed essere ascoltati.

Ciascuno ha un ruolo: donarsi all’altro imparando a farlo affidandosi alla sua guida, ma sempre nel rispetto profondo delle scelte di tutti!

Dott.ssa Sabina Garofalo

Articolo Scelto per Te

Neuralink, Elon Musk: “siamo pronti a collegare mente e computer, potenziale incredibile”. Ecco come funziona il chip wi-fi [FOTO]

Neuralink, Elon Musk: “siamo pronti a collegare mente e computer, potenziale incredibile”. Ecco come funziona il chip wi-fi [FOTO]

L’ultima sfida di Elon Musk si chiama Neuralink ed è una statrup dedicata alle neurotecnologie …