mercoledì , giugno 26 2019
Home / Hotel / Un anno di turismo on-line: nel Biellese il boom dei centri benessere, piace anche lo shopping
Un anno di turismo on-line: nel Biellese il boom dei centri benessere, piace anche lo shopping

Un anno di turismo on-line: nel Biellese il boom dei centri benessere, piace anche lo shopping

Al top per svago e turismo nel Biellese restano tre simboli: il Santuario di Oropa, il Ricetto di Candelo e la Burcina di Pollone. Con il seguente, rigoroso, ordine cronologico: è quanto sentenzia la classifica di TripAdvisor, con il santuario saldo al comando forte di 715 recensioni, di cui 387 con giudizio «eccellente». Eppure, seppur a piccoli passi, la cartina su cosa fare nel Biellese si sta lentamente rinnovando e mutando: scatta l’epoca delle Spa, del golf, dell’e-bike e secondo TripAdvisor il quarto luogo «simbolo» del Biellese diventa il Rifugio degli asinelli. Vive giorni di gloria anche il centro commerciale gli Gli Orsi, che vale il 9° posto con recensioni in arrivo da Torinese e Valle d’Aosta. Entra nei luoghi cult anche il Falseum di Verrone. 

 

Tendenze
 

Mai come nel presente c’è un filo conduttore tra hobby e ricettività alberghiera. Il richiamo alle Spa, al golf, all’outdoor tanto pubblicizzato dall’Atl, si sposa spesso con gli investimenti di chi fa accoglienza. «A salvare gli hotel saranno i servizi, nell’epoca di Airbnb non basta più affittare una camera, «tocca a noi innovarci e proporre attività sul territorio», racconta Paolo Schellino, titolare di Una Hotel Cavaglià e presidente del consorzio turistico Biella Accoglie. Proprio l’Una Hotel rilancia, campo da golf di 18 buche, a febbraio partono i lavori per una nuova Spa con idro-massaggi, saune, bagno turco, docce emozionali. La Spa Nuxe dell’Hotel Santo Stefano di Sandigliano, all’esordio da qualche mese, rilancia ulteriormente il settore aggiungendosi al panorama della Zefiro Spa di Biella e del centro relax dell’Hotel Bucaneve a Bielmonte o della Bossola di Netro, per fare esempi pratici. In attesa del progetto di Bioglio. «Bisogna garantire qui – aggiunge Schellino -, ciò che si può trovare in una grande città». Aggiungendo delle caratteristiche di unicità, come il golf che cresce nel numero dei visitatori esterni tra Magnano, Cerrione e Cavaglià, oppure lo shopping del lusso che per chi sta in hotel continua ad essere un richiamo del territorio. Di recente l’Hotel Agorà, in centro città, ha aggiunto una palestra super attrezzata «perché ok ai luoghi simbolo, ma oggi si vuole qualcosa in più», sottolineano i titolari. 

 

Dove dormire
 

Secondo gli albergatori esempi come il Rifugio degli asinelli sono un buon biglietto da visita per il territorio: «Funziona, non porta flotte di turisti, ma sta garantendo gente da fuori: molti colleghi albergatori hanno riscontri anche dall’estero», dice Schellino. E piace anche ai Biellesi: che lo piazzano subito fuori dal podio, davanti al 5° posto su TripAdvisor del lago di Viverone, altra località che come accaduto con i mercatini di Natale lo scorso dicembre cerca idee “fashion” per il suo rilancio. Ma per visitare il Biellese quali sono i posti più in voga? Per il portale Booking il miglior albergo resta l’Agorà (voto 8,9), seguito dal Santo Stefano di Sandigliano (8,8), il Michelangelo (8,7) e l’Augustus (8,7). Ma secondo il portale per prenotare gli alberghi il top è un piccolo bb, la Casetta delle Rose in via Santuario d’Oropa che strappa il voto di 9,9. Davvero i «bb» vivono un momento d’oro: come Il Cortile di Biella (voto 9,8), oppure il 1924 di Cossila (9,7) o ancora il Gomitolo (9,7). Nell’epoca in cui applicazioni e social network influenzano visitatori e residenti, chissà che non si possa ufficialmente aprire una nuova frontiera: con la nascita, assieme alla passeggiata al parco della Burcina o al Ricetto di Candelo, di proposte che possono contribuire a creare alternative ma al contempo valorizzare i simboli del territorio

Articolo Scelto per Te

Turismo esperienziale: la Città del Muretto lancia "Yoga by Acqua di Alassio

Turismo esperienziale: la Città del Muretto lancia "Yoga by Acqua di Alassio

Grazie al corso Italian Riviera Experience finanziato dalla Regione Liguria e cofinanziato tramite il Fondo Sociale …