venerdì , maggio 24 2019
Home / Viaggi / Viaggiare in aereo senza bagagli. Come funziona il luggage delivery
Viaggiare in aereo senza bagagli. Come funziona il luggage delivery

Viaggiare in aereo senza bagagli. Come funziona il luggage delivery

A distanza di qualche settimana dall’annuncio della nuova politica Ryanair sul trasporto dei bagagli a mano, che dal primo novembre imporrà ai propri clienti il pagamento di una somma dai 6 ai 10 euro per portare con sé il trolley di dimensioni ridotte, i passeggeri sono a caccia di rimedi alternativi. Una possibile risposta viene dalle società di luggage delivery: corrieri che si occupano di ritirare i bagagli a casa del cliente e recapitarli a destinazione, consentendo ai viaggiatori di affrontare il volo a mani libere. I vantaggi sono numerosi: tra questi non dover trascinare il ‘fardello’ a zonzo per gli aeroporti ed evitare lunghe attese davanti al nastro trasportatore dei bagagli. Talvolta è anche possibile risparmiare qualcosa.

Arrivare leggeri alla meta. Mentre il vettore low cost irlandese finisce sotto la lente dell’autorità Antitrust, la quale ha aperto un procedimento per accertare che le nuove regole non costituiscano pratica commerciale scorretta, c’è chi punta a intercettare le esigenze di chi si sposta in aereo, e non solo.

In Italia sono svariati i corrieri che propongono un servizio di ritiro e consegna bagagli a domicilio. Il portale Viaggiare senza valigie, ad esempio, lanciato da una società bresciana, garantisce la consegna in Italia e all’estero in tempi rapidi. Le valigie (ma anche la tavola da surf, la sacca da golf oppure i nostri scatoloni con gli effetti personali) vengono ritirate a casa e recapitate prima del nostro arrivo. Possiamo scegliere di far consegnare ovunque i nostri averi: in hotel, in un bed breakfast o nella casa in cui trascorreremo le vacanze o il soggiorno di lavoro. È possibile anche tracciare il trolley lungo il suo tragitto per conoscerne, in tempo reale, ogni spostamento.

Offre un servizio analogo il corriere BagExpress con sede a Napoli. La società assicura l’invio dei nostri colli fino a 40 chili, comprese attrezzature tecniche e sportive, in tutta Europa, con garanzia di consegna e una procedura di ritrovamento, per scongiurare l’eventuale smarrimento. Si concentra solo sul territorio italiano invece, il corriere spezzino SpedireBest, il quale promette di inviare le nostre valigie – da inserire in un’apposita scatola – a prezzi molto più concorrenziali (anche fino al 60%) rispetto alle compagnie aeree low cost. E ancora: il sito PasseggeroLeggero fornisce entro il 15 minuti, tramite il proprio call center, un preventivo sul costo del trasporto richiesto e permette di inviare in tutto il mondo anche oggetti ingombranti come strumenti musicali, sci, snowboard, biciclette, carrucole e attrezzature per gli escursionisti.

Anche se ci troviamo per motivi di svago o di lavoro all’estero e vogliamo consegnare i nostri bagagli a un corriere abbiamo l’imbarazzo della scelta. Oltre alla britannica First luggage, nota per la propria affidabilità, ci sono Send my bag compagnia fondata in Irlanda nel 2010, e statunitense Luggage Forward, solo per citarne alcune.

Le nostre valigie sono al sicuro? I bagagli che affidiamo alle società di luggage delivery dovrebbero arrivare integri e senza rischi alla meta. Ma se vogliamo dormire sonni più tranquilli, prima del viaggio possiamo stipulare una polizza di assicurazione contro il furto e la perdita di valigie e bagagli a mano.  In genere si tratta di assicurazioni che a fronte di un esiguo premio, consentono di ottenere indennizzi più elevati rispetto quelli offerti dai corrieri, ma anche dalle stesse compagnie aeree, di navigazione o ferroviarie.

Articolo Scelto per Te

Alla scoperta delle case dei grandi scrittori italiani

Alla scoperta delle case dei grandi scrittori italiani

MILANO – Siamo stati abituati a studiarli sui libri di scuola, immaginandoli come dei semidei …